Bild: Panorama_3794

Ecocentro

Info Rifiuti in PDF

Facciamo un bilancio

Negli scorsi anni il Comune di Airolo si è impegnato a predisporre un servizio di raccolta capillare sul territorio. A due anni dall'introduzione, nel 2006, della tassa sul sacco per i rifiuti solidi urbani (RSU) è giunto dunque il momento di fare un bilancio. Uno studio del 2008[1] - che ha analizzato come il Comune gestisce i rifiuti - ha evidenziato che il quantitativo di RSU è fortemente diminuito, mentre si è assistito a un aumento della raccolta differenziata. Il tasso di riciclaggio del Comune è passato dal 26% al 40% (in media con il resto del Cantone Ticino).

Col tempo sono tuttavia emerse, con frequenza sempre maggiore, situazioni poco decorose e brutte abitudini che hanno delle conseguenze importanti.

 

Utilizzo di sacchi neri

Si nota sempre più spesso l'utilizzo di sacchi neri al posto dei regolamentari sacchi rossi. Oltre che segno di mancanza di rispetto verso il prossimo, questa pratica abusiva genera dei costi che vengono riversati dal CNU sul Comune. Quest'anno, ad esempio, lo smaltimento ha causato costi per più di Fr. 3'500.- al Comune di Airolo.

Disordine nei punti di raccolta differenziata

Troppo spesso nei punti di raccolta differenziata si assiste a degli spettacoli poco edificanti che non fanno che alimentare malcontento tra chi (ed è la stragrande maggioranza) si comporta in maniera corretta. Inoltre il disordine attira altro disordine e crea lavoro e costi supplementari sia agli operai comunali, sia alle ditte di raccolta dei rifiuti.

Ripensare la raccolta: c'è margine di miglioramento

Dal 1° Gennaio 2009 si cambia

Dopo l'introduzione della tassa sul sacco i quantitativi di RSU sono diminuiti, le raccolte differenziate sono aumentate, ma i punti di raccolta sono rimasti gli stessi. Inoltre dalle verifiche fatte risulta che attualmente i punti di raccolta non seguono un concetto preciso, generando disparità di servizio e confusione negli utenti.Il Comune si impegna pertanto a fornire una raccolta capillare per gli RSU, concentrando il vetro in alcuni punti di raccolta (satelliti) e le altre categorie in un ecocentro. La raccolta degli ingombranti avverrà mensilmente in giorni specifici in cui si potranno portare all'ecocentro i propri rifiuti ingombranti. Questo permetterà di razionalizzare la raccolta e diminuire i costi mantenendo un servizio di qualità.

Cosa cambia?

Il cambiamento più importante è dato dalla creazione dell'ecocentro situato a monte del Caseificio dimostrativo del Gottardo. A partire dal 1. gennaio 2009 in questa nuova struttura, munita di videosorveglianza, sarà possibile depositare le tipologie di rifiuto indicate, rispettando i giorni e gli orari seguenti ingombranti. Questo permetterà di razionalizzare la raccolta e diminuire i costi mantenendo un servizio di qualità.

Nell'ecocentro verranno concentrate alcune tipologie di rifiuti attualmente situati in diversi punti del Comune. La tabella nella pagina seguente indica quali sono le categorie di rifiuti che potranno essere conferite all'ecocentro.

La raccolta della carta avverrà mensilmente presso i cassonetti. Vi sarà inoltre la possibilità di depositarla giornalmente presso l'ecocentro.

La raccolta degli ingombranti verrà centralizzata nell'ecocentro e concentrata in giorni specifici, con una frequenza mensile. Le economie domestiche residenti potranno portare i rifiuti ingombranti, gli apparecchi elettrici ed elettronici e piccoli quantitativi di rifiuti inerti il primo sabato di ogni mese, dalle 9:00 alle 16:00.
Il deposito di copertoni è soggetto a una tassa di Fr. 4.- al pezzo (Fr. 12.- al pezzo se con cerchione).

Cosa rimane uguale?
Come oggi, anche in futuro la raccolta dei sacchi di RSU avverrà nei cassonetti distribuiti sul territorio comunale. Questi punti non cambieranno.
La raccolta del vetro rimarrà concentrata nei 4 satelliti di Lüina, Madrano, Nante e Fontana.
La raccolta delle batterie potrà continuare nei punti attuali. Si ricorda che batterie, apparecchi elettrici ed elettronici possono essere riconsegnati direttamente ai punti vendita.

L'essenziale in una pagina

La cartina indica la posizione dei punti di raccolta RSU (punti blu), dei satelliti con raccolta del vetro (triangoli arancioni) e dell'ecocentro (quadrato verde).
La tabella seguente indica come verranno raccolte le diverse categorie di rifiuti.

La raccolta degli scarti vegetali non comprende gli scarti di cucina, i quali per motivi di igiene vanno smaltiti nei sacchi normali per RSU.
Nell'ecocentro si potranno portare solo piccoli quantitativi di rifiuti inerti. Grossi quantitativi provenienti da cantieri o grandi lavori di ristrutturazione vanno conferiti nell'apposita discarica di Bedretto.

Gestione dei rifiuti: un compito di tutti

Migliorare la raccolta differenziata: i rifiuti sono delle risorse

Lo schema a lato dimostra, con alcuni esempi pratici, che il riciclaggio permette di risparmiare moltissimi soldi e di limitare i costi della gestione dei rifiuti. Per alcune categorie si ottiene addirittura un rimborso (ad esempio il vetro o la carta). Per altre lo smaltimento è gratuito (ad esempio i rifiuti metallici e il PET).
Un piccolo impegno personale porta grandi vantaggi alla collettività.


Utilizzare i sacchi rossi


Ricordiamo che l'uso dei sacchi rossi è obbligatorio!

Le entrate della Tassa sul sacco vanno a coprire i costi dello smaltimento dei rifiuti. Se queste vengono a mancare i costi devono essere coperti con gli introiti fiscali, violando il principio di causalità (chi inquina paga). Inoltre i costi di smaltimento vengono rifatturati al Comune.
Aiutateci a ridurre e coprire i costi e segnalate eventuali abusi.


Controllo e repressione degli abusi

Controlli saranno effettuati anche per quanto riguarda depositi abusivi in luoghi non idonei. A questo scopo il Municipio sta predisponendo un servizio di videosorveglianza nei punti più sensibili.
Nei prossimi mesi verranno intensificati i controlli contro gli abusi. Ai trasgressori saranno comminate multe fino a un importo di Fr. 5'000.-.


Diligenza e rispetto delle prescrizioni


Si ricorda che è severamente proibito l'incenerimento di rifiuti in caminetti e fuochi all'aperto, come pure lo smaltimento di rifiuti nelle canalizzazioni. Il deposito ordinato nei punti di raccolta e l'utilizzo delle opportune vie di smaltimento sono dei piccoli contributi che ognuno può dare all'ordine e alla pulizia pubblica.
L'ordine e la pulizia lungo le strade e nei punti di raccolta sono un impegno di tutti.

Assieme per migliorare


L'Azienda Cantonale dei rifiuti ha messo a disposizione online l'ABC dei rifiuti al seguente sito: www.aziendarifiuti.ch



[1] GECOS sagl. 2008. Riorganizzazione della raccolta dei rifiuti - Rapporto finale. Riazzino